iltennista

geometrie non euclidee

A un certo punto, immaginare che tutto il passato consista di scarti, sempre utilizzabili, del tutto indifferenti, che chiunque potrebbe usare per gli stessi scopi con gli stessi effetti.

Annunci

  

La mattina presto, letture, si torna a casa.

– Pensare l’estetica quale fondamento, dici? Un’idea di Kant, di Wittgenstein, di tutti.
– Sì, che quel che anima le nostre forze sia una speranza di bellezza totale.
– Faticosa come un Mandala, altrettanto provvisoria.
– Soprattutto nell’atto della sua inevitabile distruzione, del resto la felicità è effimera per questo.
– Nel tennis, in effetti, quasi tutti preferiscono sbagliare nella bellezza piuttosto che tenere una brutta palla in campo.
– Ecco.

– Sei diventato terribile e non te ne accorgi.

– Io?

– Stai lì, attendi che gli altri ti dicano qualcosa di interessante… No, intenso, ecco cosa cerchi, l’intensità, la profondità, sei un vampiro.

– A questa età, devono darmi qualcosa di intenso, non credi?

– Ricordi i Police, o i Beatles? i componenti insieme facevano grandi cose, da soli niente di che.

– Vedi, tu sai… Ecco cosa cerco, mi si lacera il cuore davanti al niente, e tu sei tutto.

– Ripensavo a Harry Potter, il suo successo è inquietante. A leggerlo con occhi disincantati, si tratta delle fantasie più retrive di una mamma borghese.

– Tu parti dalla fine dell’ultimo libro.

– Sì, là si consuma l’assassinio delle potenzialità giovanili. La mamma scrittrice vuole solo che i figli spezzino ogni legame con la magia dell’adolescenza, distruggano il loro potere per divenire organici al sistema ordinato della famiglia, della prosecuzione e del trionfo del bolso.

– Dici che dobbiamo considerare Harry Potter come apoteosi di una società piccolo borghese che cattura i propri figli, li assorbe e ne succhia le energie.

– Già, in questo senso onore a Voldemort, è l’unico vero mago, un nobile che cerca di ridare potere a una casta ormai spazzata via dal terzo stato, i mezzisangue, che stanno prendendo il potere.

– Anni di magia e battaglie furiose solo per accompagnare i figli alla stazione, in effetti mi sembra poco.

– E’ il massimo a cui una come la Rowling aspirasse. me la vedo sospirare davanti a un tè caldo, “Proprio così dovrebbe andare nella vita”.

– Ma i lettori sono giovani.

– A loro sfugge il messaggio finale, il libro li prepara in modo sottile al loro destino.

– Tutto è in fermento, aumentano le tasse, si tagliano prati, sai che il Bisagno l’hanno ricoperto ma l’hanno fatto troppo stretto e basso? Genova è condannata alle alluvioni dalla matematica.

– Noi siamo lontani centinaia di chilometri, in alto sopra la città, sotto di noi scorrono ruscelli a causa delle fogne rotte. In che modo ci riguarda?

Sebbene sembri paradossale, sta nell’inutile la vera genuinità del sapere. Aggiungere l’ineffabile alla memoria anche solo un attimo prima della fine.

– Mi sembrava tutto già visto, ho capito che La Grande Bellezza è un film neorealista.

– La festa, sì, in quel posto invidiabile.

– Con tutta quella fantastica storia dietro, miliardarie sole, testamenti, ricchezze che passano di mano in mano come quei baci soffiati via.

L’età di mezzo vive di troncamenti – figli presenti e assenti – Il sabato sera girano meno persone – posti bellissimi – le donne accorciano le gonne – centinaia di foto e selfie, la festa era su facebook ancora prima di iniziare.

 

40920_0869

– Tu dici che il linguaggio riesce a creare un collegamento.

– Unisce cose che mai penseresti, sì.

40921_0871

Stare coi propri pensieri è una forma ormai obsoleta di isolamento.

– Questo posto ha ragnatele, polvere, sembra proprio una cantina.

– Ci si mettono cose che non si usano più, in effetti.

– Puzza di muffa, è quasi affascinante, come i parchi gioco abbandonati.

40817 0800

Poi penso a una foto senza senso, il mare, una barca, potrebbe essere qualsiasi estate. Stare sdraiati solo perché accanto c’è Lei sdraiata. Perdere la voglia e stare all’ombra a leggere un libro, tornare a casa, dedicarsi a altro.

logo1.jpg

In fondo, come una pallina imprigionata dietro una rete.

Oggi sbaglio cinque colpi in dodici game, mi trasformo in un pallettaro spaventoso. In cielo ci sono nuvole bizzarre, del tutto simili a meduse coi filamenti e tutto il resto.

– Vorrei che il ritorno a casa, dopo l’estate, cadesse direttamente nell’inverno, capisci? Tè caldo, le foglie che cadono e un maglione.
– Invece le mezze stagioni resistono ai luoghi comuni. Si torna nel calore della città, e puzza persino.

Man mano che la spiaggia si svuota tutti approvano lo svuotamento, purché siano tra quelli che restano. Il luogo dunque non ha importanza, purché sia privo degli altri e gli altri lo sappiano, di non esserci.

La partita di questa sera è insolitamente semplice, nonostante molti errori. Il mio compagno, giocatore assai più abile di me in doppio, mi spiega un tipo di colpo che trovo crudele, irriverente, ma efficace, simile a un’arte marziale che usi la forza dell’avversario per adagiare la pallina mezzo metro dopo la rete.

Ivano Mingotti

Pagina ufficiale autore

speraben

il blog di angelo orlando meloni

Beauty Break

La mia pausa di bellezza

ancora5

quando sei stanco fanne ancora 5

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

rawandtrue

gotta yell it out. awfully deep.

SEMPLICE AIUTO A TE CHE SEI SPECIALE....

SEMINA CON AMORE E' RACCOGLIERAI I TUOI FRUTTI!!!

Carissima me,..LA FORZA DELLE DONNE!

Ci vorrebbe un supereroe per vendicare tutte le donne con il cuore spezzato..mi candiderei molto volentieri..sarei perfetta come Wonder Luppy!!! Carissima me,..#LEGGETE PER CREDERE!

Single OFF Solitude

come sopravvivere in un mondo fatto in coppia

A tratti

Tinte forti, spizzichi e stenti

Venti Ossa Rotte

Racconti di una giovin famiglia italiana

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

travelliAMO

Vivere per viaggiare, viaggiare per vivere...

Pensieri di ghiaccio

I miei sogni, i miei viaggi, le mie storie...

valeriudgbarbu-it

poesie, letteratura, valeriu dg barbu

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!